Weil, Thoreau, i grandi poeti: i primi titoli della nuova collana di Happy Hour Edizioni

Tramontata-cover-piatto.inddTramontata-cover-piatto.inddTramontata-cover-piatto.indd

A fine settembre in libreria i primi tre volumi della nuova collana di Happy Hour Edizioni:

Simone Weil, La bellezza del mondo, 144 pp. Pensieri e aforismi tratti dalle opere di Simone Weil (1909-1943). “Ella non era prevenuta contro nulla se non contro la crudeltà o la bassezza, che sono poi la stessa cosa. Non disprezzava nulla se non il disprezzo stesso.” (Albert Camus).

Henry David Thoreau, Castelli in aria, 136 pp. Pensieri e aforismi di Henry David Thoreau (1817-1862), tratti dai principali saggi (Camminare, La disobbedienza civile, Vita senza principi e altri), dal Diario e da Walden, il capolavoro in cui narra i due anni trascorsi nella capanna che si era costruito tra i boschi sulle rive del lago Walden.

Giovanni Bernuzzi, Tramonta è la luna. Traduzioni poetiche da Saffo al Novecento, 144 pp. Poesie di Saffo, Alceo, Mimnermo, Catullo, Khayyâm, Raimbaut de Vaqueiras, Villon, Teresa de Ávila, Ronsard, Quevedo, Calderón de la Barca, Blake, Coleridge, Byron, Poe, Thoreau, Baudelaire, Dickinson, Bécquer, Rimbaud, Kavafis, Yeats, Machado, Apollinaire, Joyce, Pound, Pessoa, Storni, Espanca, Lorca, con i profili biografici degli autori.

Con diversa grafica e formato leggermente più piccolo (11×18) la nuova collana si aggiunge a quella dedicata da Happy Hour Edizioni alla narrativa italiana contemporanea, che in questi anni ha pubblicato venti titoli di sette autrici e cinque autori, tutti esordienti o quasi.

 

Annunci

Trasparenze: poesia e pittura

loc Trasparenze Collinas

Gli acquerelli di Alessandra Galleri e le poesie di Giovanni Bernuzzi: sabato 8 luglio alle ore 19 si inaugura al B&BArt Museo di Arte Contemporanea (via San Sebastiano 10, Collinas) Trasparenze, mostra personale della pittrice Alessandra Galleri, a cura di Bianca Laura Petretto. Al vernissage gli acquerelli dell’artista cagliaritana saranno accompagnati dall’attrice Isella Orchis che interpreterà  poesie della raccolta Trasparenze di Giovanni Bernuzzi (Happy Hour Edizioni).

Giovanni Bernuzzi, Trasparenze

cover Trasparenze ombra

 

Arte e poesia con Andrea Castro, Isella Orchis e Giovanni Bernuzzi

loc oristano

Venerdì 19 maggio alle ore 19 al Museo Diocesano Arborense di Oristano si inaugura la mostra Historia de Mujeres, personale dell’artista colombiana Andrea Castro, con curatela di Bianca Laura Petretto e direzione di Silvia Oppo, che sarà aperta al pubblico sino al 20 giugno. Durante il vernissage l’attrice Isella Orchis farà visitare la mostra attraverso l’interpretazione di poesie da Trasparenze, di Giovanni Bernuzzi.

Giovanni Bernuzzi, Trasparenze, Happy Hour Edizioni

cover Trasparenze ombra

Su Aínas le poesie di Giovanni Bernuzzi

ainas-no4_02-2017-x-sito_page_001Con le opere degli artisti colombiani Maria Victoria Gómez e Nicolás Corredor, AINAS MAGAZINE Aínas Magazine, rivista d’arte e cultura internazionale, pubblica cinque poesie di Giovanni Bernuzzi (quattro tratte da Trasparenze e l’inedita E la nave va…) in Incanto trasparente di Bianca Laura Petretto.

Giovanni Bernuzzi, Trasparenze, Happy Hour Edizioni

 

Happy Hour Edizioni

Stampa

 

La casa editrice

Happy Hour Edizioni è una casa editrice sarda con sede a Cagliari, creata e diretta dallo scrittore e poeta milanese  Giovanni Bernuzzi. Attiva dal 2010, pubblica pochi titoli all’anno, curati in prima persona dall’editore. Volumi agili e intensi (circa 150 pagine, formato 11×18) prevalentemente di autori classici ma cercando sempre di proporre qualcosa di nuovo.

Per informazioni e comunicazioni: happyhouredizioni@gmail.com

 

L’editore

Giovanni Bernuzzi è nato a Milano e vive in Sardegna. Laureato in Lettere e in Scienze Politiche, ha vissuto e lavorato anche a Barcellona e Dublino. Nel 2010 ha creato Happy Hour Edizioni, con cui ha pubblicato Diario di Santiago, sul Cammino di Santiago de Compostela, la raccolta di poesie Trasparenze, il romanzo Sogni di Gloria, l’autobiografia Solo ma vero, e Tramontata è la luna, traduzioni di poesie da Saffo al Novecento. Per Happy Hour ha inoltre curato e tradotto opere di Simone Weil (La bellezza del mondo), Henry David Thoreau (Castelli in aria), Antoine de Saint-Exupéry (La vita in volo), Antonio Machado (Come un figlio del mare), Jonathan Swift (L’ultimo viaggio di Gulliver) e curato un’antologia di pensieri e aforismi di Alessandro Manzoni, Compagni di viaggio. Ha un sito di poesie e traduzioni (giovannibernuzzi.blogspot.com).

Giovanni Bernuzzi “racconta” Happy Hour edizioni in un’intervista per Distribook

185283_2129246882836_1595904171_32083773_631997_nSono da sempre convinto che ci sia una sola cosa che avvicini al mondo del libro: l’amore per la lettura, che come tutti gli amori nasce, quando come dove e se vuole, dall’incontro casuale con una bellezza inaspettata o comunque sino a quel momento sconosciuta. Mi sembra che la ricerca, a volte ai limiti dell’assurdo, del “libro per i non lettori”, la pietra filosofale che trasformerebbe in lettore chi non lo è e non vuole esserlo, sia il chimerico Eldorado verso cui si perde tanta editoria italiana. In realtà è più probabile che acquisti un libro, e lo legga, chi ne ha già mille, che non chi non ne ha. Il modo per conquistare un vero nuovo lettore non è abbassare il livello estetico (e spesso anche etico) della proposta editoriale ma al contrario puntare sulla qualità, perché solo dall’incontro con un buon libro si può scoprire quanto sia bello leggere e così entrare a far parte di questa meravigliosa comunità, gli innamorati dei libri. La passione reale e condivisa per la lettura è per me il vero punto di incontro fra gli attori in campo e in un certo senso definirei l’editore come “il lettore dei lettori”, una persona che potrebbe e dovrebbe riconoscersi nei versi di quel grande poeta della lettura che fu Jorge Luis Borges: “Si vantino altri delle pagine che hanno scritto / io sono fiero di quelle che ho letto” – e anche, l’editore, di qualcuna pubblicata.

Così si conclude l’intervista curata da Stefano Giovinazzo per Distribook, nella quale Giovanni Bernuzzi racconta come è nata, come opera e con quali finalità Happy Hour edizioni, la casa editrice da lui fondata e diretta.

Leggi l’intervista completa